Esami e radiografie, il referto si legge sul computer di casa.

Esami e radiografie, il referto si legge sul computer di casa.

SANITÀ. Basta code agli sportelli. L’Azienda ospedaliera si affida all’informatica per risparmiare ed evitare i disagi. Per registrarsi al servizio bastano il codice fiscale, una password e il codice fornito quando si paga. Sarà più facile anche prenotare.

24/01/2012
Verona. Addio, code estenuanti. Adesso il referto dell’esame del sangue o della radiografia può essere scaricato direttamente dal computer. Mai come in questo caso i veronesi possono affermare «benedetta tecnologia», che ci eviterà una scocciatura in due fasi con la quale tutti – più o meno – ci siamo confrontati.

Non solo la lunga attesa per fare il prelievo all’ospedale: in preventivo bisognava mettere pure la coda, da almeno 20-30 minuti, davanti agli sportelli, regolarmente muniti di biglietto, per ritirare il relativo referto. BASTA UN CLIC.

Esperienze che potremo finalmente dimenticare. L’unica condizione richiesta è di avere un personal computer o, in alternativa, un familiare disposto a fare l’operazione in nostra presenza. La novità informatica, non a caso, è stata ribattezzata “meno file, più files”, dove il termine inglese – per chi mastica un po’ di linguaggio informatico – sta a indicare il materiale che può essere archiviato. Per accedere al servizio è sufficiente aprire la pagina internet dell’Azienda ospedaliera integrata, all’indirizzo www.ospedaleuniverona.it, fare clic sul link che rimanda a “referti on line” (alla voce servizi) e effettuare la registrazione (si accede con il proprio codice fiscale e una password personale).

DOSSIER PERSONALE. Dopodichè, attraverso il codice di attivazione riportato sul promemoria ritiro referti che è stato consegnato al momento del pagamento della prestazione, sarà possibile accedere alla cartella personale, leggere il referto, stamparlo, inviarlo per conoscenza al proprio medico o archiviarlo su un sopporto esterno (chiavetta Usb o cd). Un gioco da ragazzi che a noi cittadini semplificherà la vita, perchè lo sportello telematico funziona 24 ore al giorno per 365 giorni, ci consentirà di tenere aggiornato il nostro dossier personale e all’Azienda ospedaliera – contestualmente – permetterà di risparmiare 5 milioni di euro l’anno, considerando che in media gli ospedali di Borgo Roma e Borgo Trento producono la bellezza di 422.000 referti in dodici mesi. PAGAMENTI ON LINE.

L’importante novità, attesa da tempo e realtà consolidata in altre Ulss venete da un paio d’anni, è stata presentata ieri mattina al Polo Confortini, alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, e del direttore generale dell’Azienda ospedaliera integrata, che dopo aver ricordato che «il servizio permetterà al momento di scaricare i referti delle analisi di laboratorio e degli esami radiologici», ha aggiunto che «l’obiettivo è ovviamente di consentire la facile operazione per tutti i tipi di esami effettuati nei due ospedali cittadini», ma che «soprattutto è in fase di realizzazione la cassa telematica che consentirà di effettuare on line, con carta di credito o prepagata, anche i pagamenti delle prestazioni». Significherebbe eliminare «ulteriori code, considerando», ha spiegato Caffi, «che ogni giorno almeno un migliaio di persone si presenta alle casse a Borgo Trento e altre 900 al Policlinico». Infine, il direttore Caffi ha assicurato che «presto verrà implementato il servizio di prenotazione on line», facendo tesoro delle lamentele dei cittadini, che hanno difficoltà a farlo tramite telefono. FORTE RISPARMIO. «All’inizio del mio mandato», ha ricordato l’assessore Coletto, «trovai una situazione a macchia di leopardo. Oggi, grazie al lavoro del Consorzio Arsenàl.it, 17 aziende sanitarie del Veneto hanno già attivato il servizio e altre 4 sono pronte a partire. Ancora qualche mese e tutto il Veneto sarà coperto, con un risparmio per i cittadini, in termini di tempo e di costi di spostamento, quantificabile in 70 milioni di euro». P.COL. 

JC


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *